Pagine

martedì 21 ottobre 2014

Di blog e blogger.






Ancora per un po il peggior blogger della blogsfera italiana sarà fuori servizio e fuori dalla rete, e con l'occasione visto che in tempi recenti in questo angolo di rete si è parlato di blogger e blog, colgo l'occasione per dire la mia.

Perché un blog, perché blogghiamo?

Perché possiamo e ci piace farlo.


Niente di più, niente di meno.

Noi siamo quelli dello "Speaker's Corner"[1], siamo quelli che si interessano delle cose più disparate e come in ogni attività, tra noi ci sono quelli che radunano molta gente attorno a se, e quelli "meno bravi" come il qua scrivente, pure alla fine siamo e restiamo oratori di una piazza virtuale, con nessun dovere ed obbligo al di fuori di quelli stabiliti dalla legge.

Il che significa che non dobbiamo giustificare la nostra presenza, che possiamo gestire il nostro spazio come più ci aggrada anche mettendolo a pagamento se mai lo volessimo, che oltre il rispetto e la cortesia, quando reciproci, un blogger non deve rispettare nessun codice morale etichetta schema o dogma.

Niente di più, niente di meno.




[1] E di riferimenti allo Speaker's Corner in questo blog c'è ne sono stati tanti, fin dagli inizi, e non a caso.












2 commenti:

Nick Parisi. ha detto...

Certo, il nostro blog è casa nostra, un luogo dove possiamo scrivere quello che vogliamo.
Forse ecco dovremo semplicemente avere consapevolezza di quello che valiamo senza doverci stare a giustificare ogni volta.

P.s
Anche se tu dovessi scrivere una volta all'anno ti leggerò sempre con piacere.

Obsidian M ha detto...

Completamente d'accordo. Nel proprio speaker's corner ognuno dice quello che vuole. Se a qualcuno non garba.. pazienza.