Pagine

mercoledì 26 dicembre 2012

Ulysses


OFF TOPIC
In fallout New Vegas, videogioco post-atomico, c'è un'espanzione chiamata Lonesome Road, un'espanzione che per caratteristiche e difficoltà si presta bene per essere giocata alla fine, come ultimo atto.
In essa fa la sua apparizione Ulysses, un personaggio che in New Vegas è citato spesso, e che ha uno stretto legame con il protagonista della storia.

Anche per questo Lonesome Road si presta come chiusura di tutto.

Ulysses, personaggio che non è a due dimensioni, molto più reale di tanti personaggi di altri media, spinto dal desiderio di vendetta e allo stesso tempo, alla ricerca di risposte.

Cosa crea, cosa distrugge una comunità, una civiltà?
Cosa mantiene unita una società?
Non solo, egli è affascinato dai simboli della vecchia america, dalla sua storia, dalla sua bandiera che porta raffigurata sulle spalle, poi dalle illusioni dalle speranze del mondo passato, e confronta tutto con la storia e le bandiere del nuovo mondo, del'NCR, della Legione di Cesar.
Un personaggio complesso, con domande complesse, oppure facili... con allo stesso tempo le identiche domande che mi facevo anch'io in tempi lontanissimi, quando ancora stavo su di un banco di scuola.

Cosa crea e cosa distrugge una civiltà, e cosa tiene unita una nazione?
E' straniante essere costretto a ricordare e poi vedere i tuoi dubbi esposti in qualcosa, ancor di più se è un videogioco.Ma la vita continua, si deve vivere andare avanti e si mettono da parte le piccole cose per le grandi.
Poi capita che in un momento di relativa calma, in teoria di festa nel quale spegnere la testa, capiti di ripensare ad una piccola cosa come un personaggio dei videogame, ai suoi dubbi che sono anche i tuoi dubbi, e di ritrovarsi con alcuni pensieri.

Cosa accadrebbe se le leggi, tutte le leggi, avessero nella pratica meno valore della carta su cui sono scritte, meno valore delle consuetudini, e fossero interpretate a seconda delle convenienze del sentimento collettivo del momento?

Che valore avrebbe una costituzione se le parole con cui è scritta, parole omaggiate rispettate sottolineate, nella pratica restassero solo atti di fede e buoni proprositi validi si ma, solo in teoria?
Già che accadrebbe, o cosa inizierebbe a scricchiolare allora?

Forse niente, si passerebbe solo da un quilibrio all'altro con l'illusione di vivere nel migliore dei mondi possibili, ma allo stesso tempo scivolando ogni giorno più in basso.












Nessun commento: